Ciaone!

 

Stanotte, ravanando ne le urne,
li scrutatori esausti, sbadijànno,
hanno contato ne l’ore notturne
sto voto che fa vacillà lo scranno

de chi la ggente ha bella che ignorata,
e pe’ tant’anni ha fatto recchia sorda,
pe’ trascurà la ggente esasperata,
tiranno – embè – ‘n po’ troppo, ormai, la corda.

Un teremoto è stato er ballottaggio:
co’ voto de’ protesta e pe’incoscenza,
oppure rifrettènno e co’ coraggio,

sto popolo malato de ‘ndolenza
s’è rotto, der potente, a fa’ l’ostaggio
e finarmente ha perzo la pazzienza.

Sarà ‘na svorta oppure delusione?
Er tempo emetterà l’ardua sentenza.
Ma intanto l’itajano fa: “Ciaone!”

Pasquino Massimino

Nessun commento ancora

Lascia un commento

 

}
Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com