Puzze

Ner mentre che facevo er granne sforzo
annuale, de ‘ncollamme scatoloni,
dell’arbero ormai spojo solo er torzo,
tante lucette e gran decorazzioni,

de botto tra le frocie me se ‘ncastra,
sì forte che pe’ poco viè ‘no sturbo,
‘na puzza, inzieme acida e dorciastra
che presto in gola e in panza dà disturbo.

Nell’animo se blocca la pazzienza,
ner corpo poi, le brutte sensazzioni
se fanno largo come pestilenza;

me pija ‘n penziero pe’ sti fanfaroni (1)
che a scrive qui, ve chiedo la licenza:
io me so’ propio rotto li cojoni!

(1) I responsabili diretti delle zaffate maleodoranti ma anche quelli indiretti, leggasi politici e amministratori distratti e concentrati su altre priorità.

Pasquino Massimino

Nessun commento ancora

Lascia un commento

 

}
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com