In rima…l’auguri mia…

 

Quest’anno impicci e guai nun so’ mancati,
qui a Massimina ormai ce n’è un ritrovo,
ma gnente lagne e strilli rassegnati,

sta botta vojo fa’ pe’ l’anno novo
‘n ugurio p’ogni guaio che qui sento,
e c’empie i cosiddetti come ‘n ovo.

Chi seguita a rubbà a l’appartamento,
io j’àuguro co’ forza e co’ passione
restà disoccupato, e nun me pento.

Co ‘l’anno novo spero ch’er saccone
ce venga ritirato a sti sobborghi
puntuale co’n servizzio da menzione.

A te che lassi l’auto e nun t’accorghi
che blocchi er flusso d’auto e motorette
creanno a Massimilla ‘ntoppi e ingorghi,
te dico: dai cammina e cerca a smette!

Poi àuguro all’Acea che finarmente
consegni puntuale le bollette
e li lampioni spenti, bella gente,

nun sieno che un ricordo che permette
da fa co’ chi governa du’ risate
perché sto scempio ormai più nun permette.

Pe’ l’anno novo spero passeggiate
serene pe’ le strade belle asciutte,
e no da li tombini le cascate,

lo slalom tra le cacche lerce e brutte,
perché i padroni zozzi e poco urbani
se scordeno a levalle quasi tutte.

Nun vojo rompe troppo co’ sti brani
e quindi co’ sti verzi mo la pianto
ma prima vojo fa, e a piene mani

‘n augurio co’ romano disincanto
che mejo d’oggi sia pe’ voi er domani
e l’anno novo allegro e mai affranto!

Buon 2016 da Pasquino Massimino

Nessun commento ancora

Lascia un commento

 

}
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com